Agri-culturaColtivazione

Tappeto erboso intelligente, godersi il verde senza fatica

La qualità di un tappeto erboso dipende da diverse caratteristiche come colore, tessitura, uniformità e resistenza. Un buon tappeto erboso ornamentale ha un colore verde chiaro, tessitura fine, elevata uniformità e una buona resistenza al calpestio. Questi parametri di qualità dipendono strettamente dalle operazioni colturali che vengono fatte e da come vengono fatte.

Le pratiche che influiscono direttamente sulla qualità del nostro tappeto erboso sono quindi taglio, concimazione e irrigazione. È quindi evidente che una corretta manutenzione corrisponde ad una qualità maggiore.Il tappeto erboso che comunica i suoi bisogni in tempo reale, godersi il verde senza la fatica della manutenzione

Alcuni consigli per gestire al meglio il tappeto erboso

La manutenzione corretta porta a ridurre i problemi di malattie, avendo come conseguenza un aspetto migliore del manto erboso. Chi fa una buona manutenzione dei tappeti erbosi sa bene che il tempo e le risorse che dobbiamo impiegare per avere dei risultati soddisfacenti sono elevatissimi, affidarsi a dei professionisti è una scelta conveniente che ci svincola dal continuo lavoro richiesto.

La gestione è importante, ma altrettanto importanti sono le scelte prese in fase di progettazione. Il taglio è l’azione più frequente che facciamo sul nostro tappeto erboso, anche e proprio per questo deve essere fatto correttamente, in modo da rinforzare e non indebolire le piantine.La parte asportata durante il taglio del tappeto erboso non deve mai superare un terzo dell’altezza totale, può essere fatto senza raccolta del materiale tagliato (mulching).La tecnica del recycling consente di avvalersi di diversi vantaggi, essa prevede di lasciare a terra l’erba tagliata, alcuni dei vantaggi possono essere riduzione dei tempi del taglio, riduzione della concimazione chimica e dell’irrigazione.

La concimazione è necessaria per mantenere forti e resistenti le piante, anche qui se non viene fatta correttamente rischia di favorire l’effetto contrario.L’irrigazione, importantissima per la sopravvivenza del tappeto erboso va fatta anche questa tenendo ben a mente alcuni trucchetti. Un esempio è allungare il tempo che passa tra un turno d’irrigazione e l’altro, contemporaneamente allungare il tempo dei singoli turni irrigui.Il tappeto erboso che comunica i suoi bisogni in tempo reale, godersi il verde senza la fatica della manutenzione

Sempre più spesso per gestire la casa e il giardino si ricorre a sistemi automatici che permettono di beneficiare di diversi vantaggi. Il tappeto erboso è una superficie omogenea che, se di forma regolare, si presta molto bene per essere automatizzata. Il taglio in particolare, che occupa molto tempo all’operatore, oggi può essere eseguito da robot specifici che eseguono un ottimo lavoro.

I vantaggi che porta avere un robot che gestisce il tappeto erboso sono sia economici che di qualità, possiamo tuttavia considerare anche dei vantaggi in fatto di sicurezza ed impatto ambientale. I robot consumano corrente elettrica e abbinati a dei pannelli fotovoltaici risultano una scelta lungimirante, riduzioni delle emissioni e riduzione della manodopera portano a vantaggi economici ed ambientali. La manodopera non può comunque essere eliminata del tutto, infatti si dovrà monitorare il lavoro del robot anche con sopralluoghi in campo.

Il giardino intelligente con sensori ambientali

Se vogliamo il giardino oggi può essere dotato di una serie di elementi tecnologici che consentono di monitorare i bisogni delle piante in tempo reale. Per avere tutto sotto controllo basterà distribuire dei piccoli sensori ambientali direttamente nell’area che si vuole monitorare. I sensori raccolgono dati in continuo, trasmettendoli direttamente al proprio smartphone così da avere un’analisi a 360 gradi del proprio giardino.I sensori ambientali misurano e registrano dati specifici per poi trasmetterli a distanza direttamente al tuo smartphone o ad una centralina che regola l’impianto di irrigazione. È possibile trovare sensori ambientali che trasmettono temperatura, tasso di umidità del terreno, quantità di inquinanti nell’aria e condizioni meteo.

Da qualche anno esistono le cosiddette foglie elettroniche, sensori che vanno piantati in prossimità delle specie da monitorare e che comunicano dati relativi alle perdite di acqua e umidità del terreno. La foglia elettronica suggerisce all’utente quando è il momento di annaffiare il proprio giardino, oppure quando è il momento adatto per effettuare il raccolto.

Questi sistemi offrono innumerevoli vantaggi sia economici sia di qualità estetica, senza doversi preoccupare di controllare manualmente di continuo lo stato di salute delle piante.Il tappeto erboso che comunica i suoi bisogni in tempo reale, godersi il verde senza la fatica della manutenzioneUn tappeto erboso in salute mi risparmia anche bei malanni, infatti la quantità di fitofarmaci sarà ridotta drasticamente. Esiste una rigida regolamentazione per quanto riguarda l’utilizzo dei prodotti fitosanitari  nelle aree frequentate dalla popolazione e questo è un bene visto che sono nocivi per la salute dell’uomo.

Previous post

Le stagioni: 3 giardini inglesi da visitare

Next post

Quarantena? Un ottimo momento per dedicarsi a rinnovare il giardino!

Valentino Dal Ben

Valentino Dal Ben