Landscape DesignPaesaggio

Tagliaerba, come scegliere la macchina giusta per il proprio prato?

Quando ci si vuole preoccupare della salute e della bellezza del proprio prato, o del proprio tappeto erboso, bisogna fare delle considerazioni sullo strumento con cui si andranno ad effettuare i periodici sfalci. La frequenza nel taglio dell’erba è variabile a seconda dell’aspetto da conferire al cotico erboso: il taglio può essere effettuato ogni 15 giorni circa, per un prato più consistente e dall’aspetto più naturale, fino anche a 4 volte a settimana se si vuole mantenere un tappeto erboso basso e perfetto come quello un campo da golf. Più frequentemente si operano gli sfalci, meglio le piante riescono ad adattarsi alla dimensione definitiva da assumere.

L’operazione di taglio del prato però, se fatta nel momento errato o con gli utensili sbagliati, può diventare un fattore rischioso per la salute e l’aspetto del tappeto erboso. Come scegliere, quindi, il tosaerba più adatto? Sicuramente il ruolo fondamentale, a parità di altri fattori, è dato dal tipo di lama che entra in azione. Esistono vari tipi di lama che agiscono ciascuna a proprio modo e producono un effetto visivo decisamente diverso, da utilizzare quindi per scopi ben specifici. Ecco una panoramica sulle tipologie di macchine tagliaerba disponibili per lo sfalcio dei prati e le loro differenze.

Tagliaerba, come scegliere la macchina giusta per il proprio prato?

I criteri di scelta di un rasaerba

Quando bisogna scegliere che macchina da acquistare per il mantenimento del proprio tappeto erboso bisogna concentrarsi su la scelta dell’apparato di taglio. Questo verrà scelto in base a l’altezza di taglio che si vuole effettuare, la frequenza e la raccolta delle sfalcio o grass-cycling. Inoltre bisogna considerare la scelta della tipologia di trattorini rasaerba per la dimensione, la forma e l’orografia della superficie di prato che si dovrà lavorare. Altri aspetti da non tralasciare sono la sicurezza, il confort e l’impatto ambientale del trattorino che si andrà ad acquistare, ovviamente calibrando il tutto in base al rapporto qualità/prezzo di ogni macchina in rapporto alle proprie esigenze. Da non dimenticare, soprattutto per chi non ha tempo di tagliare l’erba, la possibilità di affidarsi al comodo servizio svolto dai robot tagliaerba automatici di ultima generazione.

Tagliaerba, come scegliere la macchina giusta per il proprio prato?

Tagliaerba a lama rotativa

I tagliaerba a lama rotativa sono dotati di una lama orizzontale fissata a un asse verticale. Durante la rotazione, parallela al suolo, della lama sull’asse centrale, questo tipo di lama produce diversi effetti. Innanzitutto viene creato un movimento d’aria nel carter del rasaerba, che è in grado di aspirare l’aria e raddrizzare l’erba da tagliare. La lama taglia i fili d’erba per impatto e il flusso continuo di aria espelle il materiale tagliato verso la parte superiore del carter in direzione del contenitore di raccolta. In mancanza di un contenitore, l’erba tagliata è nuovamente triturata e finisce per depositarsi sotto forma di piccoli frammenti di sostanza organica, utili al prato.

La lama rotante di questi tosaerba gira ad elevata velocità (circa 3000 giri al minuto). E’ di grande efficacia anche in caso di erba bagnata, se non è troppo alta o troppo spessa. Questa è la ragione per cui questo tipo di lama è tra i più diffusi, trovandosi infatti installata sulla maggior parte delle macchine. Le sue caratteristiche permettono di scendere fino a pochi centimetri di altezza, ma non è possibile operare tagli più bassi perchè è necessario mantenere un’altezza minima è necessaria affinché si crei il flusso di aria. Se la lama rotativa non è ben affilata, il taglio per impatto può non essere ben definito, indebolendo il tappeto erboso e dando una maggiore possibilità ai patogeni di aggredire le specie erbose.

Rasaerba a lama elicoidale

I tagliaerba a lama elicoidale hanno una configurazione della modalità di taglio completamente diversa. La lama elicoidale viene utilizzata in diverse unità assemblate a formare un cilindro orizzontale. Il cilindro girando prende il singolo filo d’erba e lo passa in un sistema che compie un taglio a cesoia, tra la lama elicoidale e una contro-lama. L’erba viene così tagliata come se fosse lavorata a mano con delle forbici, in continuo. Molto spesso le macchine con questo apparato di taglio montano anche un cilindro metallico che rulla il terreno.

Tagliaerba, come scegliere la macchina giusta per il proprio prato?

Questo sistema offre diversi vantaggi: è in grado di operare un taglio fino ad un’altezza di pochi millimetri dal suolo, andando a creare un prato dall’aspetto di una vera moquette vivente. Questo taglio è molto vantaggioso nella lotta alle infestanti del tappeto erboso. I tappeti erbosi ad uso sportivo, come quelli destinati al golf o al football, sono sottoposti a questo tipo di taglio perchè opera un danno minore alle piante nonostante gli interventi vengano ripetuti molto spesso. Le lame elicoidali richiedono però un terreno quasi completamente piano (senza alcuna irregolarità di superficie o presenza di pietre). Il problema di questo tipo di taglio sta nella frequenza di passaggio che deve essere molto più elevata rispetto a quella con una lama rotante. Bisogna tenere in considerazione che la resa dei rasaerba a lame elicoidali si avvicina a quella di un robot rasaerba, anche se la sua lama è diversa.

La manutenzione dei tagliaerba

I diversi tipi di lama, al di là della resa nel taglio, si differenziano anche per il loro grado di manutenzione. Le lame rotative devono essere affilate regolarmente, per mantenere i fili d’erba tagliati ma non rotti. La lama elicoidale si affila costantemente con lo sfregamento sulla contro-lama e va affilata meno spesso della lama rotativa. L’impatto della lama contro un oggetto duro, come un sasso o un pezzo di metallo, si traduce in un’intaccatura della lama stessa che può essere corretta con un colpo di lima o di mola per ridurre i danni derivanti dalla malformazione della lama.

Stai cercando un modo efficace e comodo per tosare il prato? Scopri tra i vari modelli di trattorini tagliaerba quello più adatto a te!

cannabis legale come coltivarla
Previous post

Canapa legale in Italia: un "green business" alla riscossa

Next post

This is the most recent story.

EcoProspettive

EcoProspettive