Landscape DesignPaesaggio

Pier88 – Il primo giardino verticale di Padova

Un’oasi di ristoro nella città

Pier88 è il nuovo locale all’ultimo grido di Padova, una realtà nata da un mix di concetti rivoluzionari. Pier88 nasce infatti come esempio di architettura urbana che crede nel riutilizzo e nella sostenibilità per una città bella da vivere. Questo locale si trova in un edificio di nuova concezione che è stato ricavato dalla sovrapposizione di 4 container, recuperati alla fine della loro vita, ridipinti e adattati per creare uno spezio all’insegna del lusso sostenibile.

Pier 88 Arriva il primo giardino verticale di Padova

L’edificio si sviluppa in lunghezza occupando uno spazio esiguo e si affaccia sull’argine del Bacchiglione e sul ponte del Bassanello nella città di Padova. Il nuovo concetto di edificio è composto da una struttura interamente removibile pensata per una città moderna in continuo cambiamento. L’edificio rimovibile è stato installato su area demaniale ottenuta in concessione decennale tramite bando di gara.

Della progettazione se ne è occupato lo studio di ingegneria It’Ing di Padova mentre la sua realizzazione è stata affidata ad Habito srl di Cittadella (PD).

Pier 88 Arriva il primo giardino verticale di Padova

Il locale ha come obiettivo il territorio, organizzando eventi per promuovere i prodotti, nonché artisti e associazioni locali per valorizzare la funzione sociale dell’esercizio pubblico. Offre la possibilità di dare da bere ai propri amici a 4 zampe con un abbeveratoio pubblico e di potersi riparare la bicicletta gratuitamente. A riprova di questo Pier88, in collaborazione con Life Panel, ha deciso di regalare alla città di Padova il suo primo giardino verticale.

Il verde verticale come elemento architettonico

Pier88 è posizionato lungo un percorso pedonale sul lungo argine frequentato assiduamente e si trova in stretta relazione con l’ambito fluviale e portuale. La scelta di introdurre in questo progetto, già innovativo di per se, l’elemento vegetale è stata dettata non solo da un fattore estetico e di immagine. Infatti si è deciso di posizionare una superficie continua di giardino verticale sulle pareti esterne, in metallo, più esposte allo sole per limitare il surriscaldamento estivo dell’edificio.

I giardini verticali infatti sono in grado di assorbire la luce del sole limitandone il riverbero senza scaldarsi. Oltre a proteggere dai raggi solari le piante rinfrescano l’ambiente e filtrano l’aria dagli inquinanti fornendo anche molti altri benefici. La presenza del verde verticale e del giardino indoor, insieme ad un plateatico esterno in legno, Pier88 si propone come oasi nella città per le centinaia di persone che ogni giorno passano di fronte al locale.

Per realizzare il giardino verticale di Padova da esterno è stata utilizzata anche qui una nuova idea. Le piante infatti si trovano a dimora su una superficie di vero terreno posizionata in verticale e possono svilupparsi e moltiplicarsi proprio come in un vero giardino. Questa nuova tecnica per sviluppare giardini verticali è frutto di un’idea di padovani e più precisamente di studenti dell’Università di Padova.

Life Panel – Un nuovo modo di concepire il giardino verticale

La nuova tecnica di verde verticale, sviluppata sul locale Pier88, è un prodotto padovano per i giardini verticali chiamato Life Panel. Questo prodotto consiste in un pannello molto sottile e leggero, che contiene vero terreno. Grazie all’utilizzo dei Life Panel, il primo giardino verticale di padova sarà un’opera a bassi costi di mantenimento. Sui Life Panel è possibile seminare e riprodurre le piante per via vegetativa riducendo drasticamente i costi di gestione e realizzazione.

L’aspetto particolare del Life Panel è il suo carattere modulare, difatti ne esistono diversi formati che possono essere combinati fra loro a costituire grandi giardini verticali o piccoli quadri vegetali da poter tenere comodamente  anche a casa.

Come irrigare l'orto: trucchi e consigli utili per risparmiare acqua
Previous post

Come approvvigionare l'acqua per l'orto: tecniche e consigli utili

i giardini di venezia
Next post

I giardini nascosti di Venezia: gioielli da scoprire

EcoProspettive

EcoProspettive