AmbientePaesaggioParchi & Giardini

Parchi Naturali del Veneto, un viaggio nella biodiversità

L’ONU ha dichiarato il 2010 anno internazionale della biodiversità,  ed è stato istituito un Piano Strategico per la Biodiversità 2011-2020. Sembra però, che nonostante le azioni positive dei governi, in futuro ci aspetti una crisi ambientale senza precedenti. L’istituzione di parchi e aree protette è un’azione che favorisce un ambiente più sano e resiliente. I parchi Regionali e Nazionali sono un’importante strumento per la conservazione della natura e la difesa del territorio. Valorizzare i parchi e le aree protette è importante per salvaguardare un sistema paesaggistico ad alta naturalità e pregio ambientale. La Regione Veneto ospita un territorio molto diversificato ricco di ambienti differenti tra loro. Passiamo dal tipico paesaggio montano a quello costiero, attraversando una pianura altamente popolata. Le aree protette in Veneto sono molto numerose. In totale contiamo 1 parco naturale Nazionale 11 parchi naturali Regionali 14 riserve naturali Statali e 4 aree umide. In questo articolo parleremo di 6 tra i più famosi parchi del Veneto.

Parco Regionale del Delta del PoParco delta del Po

Il Delta del Po è la più vasta zona umida d’Italia e il Parco del Delta del Po si ripropone di proteggere questa rara risorsa naturale. L’area protetta si suddivide in due parchi quello Regionale dell’Emilia Romagna e quello Regionale del Veneto. Questo ambiente ospita una ricca biodiversità di specie acquatiche, vegetali e di uccelli. Fra stanziali e migratori si contano più di 300 specie di uccelli in quest’area. Il paesaggio muta passando dalla campagna alle dune fossili, un relitto delle antiche linee di costa. Proseguendo verso il mare incontriamo argini, golene, valli da pesca lagune, scanni e sacche. Tra i canali e nei bracci di fiume e di mare troviamo innumerevoli specie ittiche. La vegetazione è un equilibrio tra vegetazione di pianura, ambienti umidi e ambienti marini. Insomma è un’oasi di biodiversità circondata da un deserto densamente popolato.

Parco Naturale Regionale del Fiume SileParco Fiume Sile

Il Sile è uno dei più lunghi fiumi di risorgiva d’Europa, con i suoi 95 km di percorso il Sile è da sempre stato un’importante asse di comunicazione fondamentale per lo sviluppo del commercio in questo territorio. Questo ambiente rigoglioso offre a chi lo visita uno dei paesaggi più incantevoli di questa regione. Questo è un ambiente ricco di specie di uccelli rettili e anfibi e le acque sono ricchissime di pesci. La flora muta durante il corso del fiume anche se le specie sono quelle tipiche dei boschi ripariali. Possiamo osservare un bosco più evoluto composto da platani, robinie, aceri e bagolari e boschi più recenti composti da specie pioniere come il pioppo e il salice. Il Parco del Fiume Sile è ricco di itinerari naturalistici, di arte, cultura, turistici ed enogastronomici.

Parco Regionale dei Colli EuganeiColli Euganei

I morbidi rilievi dei Colli hanno origine da processi vulcanici avvenuti 35 milioni di anni fa. I Colli Euganei sono un hotspot di biodiversità e di natura che spezza la monotonia della pianura intorno a Padova. Abitati dall’uomo sin dal Paleolitico, i Colli Euganei sono da sempre testimonianza del rapporto fra uomo e natura. Il Parco dei Colli Euganei ricopre una superficie di circa 18690 ettari, ricchi di diversi habitat nei quali si rifugiano molte specie di animali. Gli ambienti che possiamo incontrare vanno da quelli di tipo montano a quelli caldo-aridi come la macchia mediterranea e prati calcarei. Nel Parco dei Colli Euganei possiamo osservare la Ruta patavina una specie endemica unica in Italia.

Parco Naturale Regionale della LessiniaParco Regionale della Lessinia

Un territorio modellato da sempre dalle forze della natura. Prima coperto dal mare è emerso in decine di milioni di anni e ha cominciato subito ad essere scolpito dall’azione erosiva di acqua ghiaccio e vento. Le rocce calcaree hanno dato origine a fenomeni carsici molto suggestivi come il famosissimo Ponte Veja e i pesci fossili estratti dalla Pesciara di Bolca. Nel Parco Regionale della Lessinia possiamo trovare incantevoli boschi di carpino, faggio e abete rosso alternati da pascoli e a vere e proprie città di roccia come la Valle delle Sfingi. Il parco è stato istituito nel 1990 e si estende per oltre 10000 ettari sull’altopiano dei Monti Lessini. Qui non è difficile osservare specie tipiche della fauna alpina come camosci, caprioli, marmotte e anche il più schivo cervo. La flora è ricca di varietà endemiche tra cui la Primula di Recoaro e l’Elleborina del Monte Tesoro.

Parco Regionale delle Dolomiti d’AmpezzoParco Dolomiti d'Ampezzo

Un parco che racchiude gruppi montuosi di una selvaggia bellezza, famosi in tutto il mondo. La maestosa Tofana di Rozes con le sue Cinque Torri, Fanis, Col Bechei, Croda Rossa d’Ampezzo e il Cristallo sono gruppi montuosi di indimenticabile bellezza. I profili di queste montagne rimangono impressi per tutta la vita nelle anime di chi le osserva. Il Parco Regionale delle Dolomiti d’Ampezzo ricopre un’area di 11200 ettari immersi nelle Dolomiti orientali ed è attraversato da più di 300 km di sentieri a cui si sommano ferrate e ciò che rimane dei camminamenti di alta quota della Grande Guerra. Anche in questo Parco possiamo osservare una specie endemica che lo simboleggia, il Sempervivum dolomiticum, una crassulacea che vive in condizioni particolarmente difficili.

Parco Nazionale delle Dolomiti BellunesiParco Nazionale Dolomiti Bellunesi

Questo parco racchiude una grande risorsa di biodiversità, in particolare una flora straordinaria ricca di specie endemiche. Il Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi ospita oltre 1500 specie vegetali diverse.  Oltre alla ricchissima flora questo parco ospita tutti i più tipici protagonisti della fauna alpina. Oltre ai più conosciuti cervi, camosci, caprioli, volpi e tassi il parco ospita specie più rare come la lince, l’orso e l’aquila reale. Dal 2009 le aree protette di questo parco sono state inserite nella lista del World Heritage dell’UNESCO e quindi rappresentano un patrimonio per l’umanità intera. Il Parco ha una superficie di 32ooo ettari ed è situato nella zona centro meridionale della Provincia di Belluno.

 

Previous post

Come coltivare le piante rampicanti: le migliori soluzioni e strutture

Next post

Chi ha paura del cambiamento climatico?

Valentino Dal Ben

Valentino Dal Ben