AmbientePaesaggioPopolari in AmbientePost PopolariVerde Tecnologico

Bonus facciate: vuoi una casa green? Detrazioni del 90%

Il 2020 si preannuncia come un anno di grandi cambiamenti per l’aspetto delle nostre città e dei nostri edifici. Infatti nella Legge di Bilancio 2020 e dal decreto fiscale 2020 i contribuenti potranno approfittare di diversi sgravi fiscali per migliorare le proprie case, nuovo fra tutti il Bonus facciate.

Come usare le detrazioni fiscali per una casa più green

Già negli anni scorsi erano stati proposti diversi bonus che permettono di detrarre parte delle spese di ristrutturazioni volte a migliorare le prestazioni e l’aspetto di case e condomini. Ad esempio si può utilizzare, a seconda della tipologia di interventi da operare:

  • Eco bonus | per il miglioramento della coibentazione termica degli edifici.
  • Bonus verde | per la cura dei balconi, dei giardini e dei terrazzi (che non è stato prorogato per il 2020).
  • Sisma bonus | per il miglioramento della struttura dell’immobile.
  • Bonus mobili | per acquisto di mobili ed elettrodomestici.
  • Bonus ristrutturazione edilizia | per le ristrutturazioni edilizie

Nel 2020 a questi si aggiunge il bonus facciate, una detrazione IRPEF dedicata alle ristrutturazioni esterne delle abitazioni che permette di recuperare il 90% delle spese sostenute nel 2020. Attraverso questa serie di incentivi si può scegliere di investire nei propri immobili in modo sicuro migliorando la sostenibilità e il valore delle proprietà, con la certezza di recuperare in pochi anni una parte consistente del denaro speso.

Le pareti vegetate sono una via per usufruire del bonus migliorando anche la coibentazione termica dell’edificio, oltre che la qualità dell’aria.

Scopri tutti i sistemi per pareti verdi

Cosa comprende la detrazione

La detrazione fiscale è pari al 90% delle spese sostenute per

“strutture opache della facciata, su balconi o su ornamenti e fregi”

e in questa definizione rientrano:

  • Il cappotto termico, per migliorare la coibentazione termica dell’edificio.
  • Le tinteggiature, a patto che non prevedano il rifacimento di più del 10% degli intonaci.
  • Se si interviene su più del 10% degli intonaci bisognerà rispettare i nuovi requisiti di efficienza energetica dell’edificio per poter accedere al bonus.
  • Rifacimento di ringhiere
  • Decorazioni, marmi di facciata e balconi.
  • Una detrazione del 50% all’interno del bonus è riservata ai titolari di redditi d’impresa e di lavoro autonomo. Questa variante interessa sopratutto alberghi, spa, centri benessere e più in generale società che possiedono immobili ad uso strumentale.

Oltre a queste categorie di interventi di ristrutturazione sono coperti dal bonus anche molte altre tipologie di lavorazioni o fregi, fra questi anche le facciate verdi realizzate attraverso i giardini verticali o sistemi per lo sviluppo di piante rampicanti.

Bonus facciate: vuoi una casa green? Detrazioni del 90%

Cosa bisogna sapere del bonus facciate

Come abbiamo già detto la detrazione è pari al 90% delle spese sostenute per le ristrutturazioni, o gli interventi di manutenzione ordinaria, delle facciate. Bisogna però sapere che tale sgravo fiscale:

  • vale solo per le spese sostenute nel 2020;
  • potrebbe essere inserito il limite di spesa a 192.000 euro;
  • sarà riconosciuto anche in caso di manutenzioni ordinarie, come ad esempio le ritinteggiature;
  • sarà cumulabile con altre misure di risparmio energetico e quindi si potrà approfittare anche di altri sgravi in contemporanea.

Cosa non è compreso nel Bonus facciate

Il bonus facciate non comprende tutte le spese sostenute per:

  • Infissi | quali finestre e porte.
  • Pluviali | quali grondaie e finiture in metallo
  • Impianti | quali cavi elettrici o di comunicazione, come impianti di illuminazione o di allarme.
  • Gli edifici posizionati in zona C | cioè aree a bassa densità di urbanizzazione come le campagne o le zone destinate a nuovi insediamenti abitativi a bassa densità.

Previous post

Eco&20 | Ossigeno per i cervelli

Next post

Le stagioni: 3 giardini inglesi da visitare

Alvise Anchel

Alvise Anchel

Laureato in Scienze Forestali e Ambientali, è uno dei fondatori di EcoProspettive. Ha ideato il sistema di giardini verticali Life Panel, adora i cani, suona la chitarra.