AmbientePaesaggio

Cambiare vita con l’acquisto di una residenza in campagna: tutto quello che devi sapere

La vita nelle grandi città sembra essere monotona e priva di ogni attrattiva? Per chi è amante del vivere circondato dalla campagna e dal contatto diretto con la natura, di certo le giornate trascorse nel grigiore di una metropoli non rappresentano un ideale di vita.

Ecco perché spesso una scelta radicale come quella di acquistare una casa in campagna può rappresentare una svolta necessaria, anche se difficile da mettere in pratica proprio perché a volte spostarsi implica anche la ricerca di una nuova occupazione lavorativa.

Il mercato delle case di campagna sembra connotato da una tendenza abbastanza precisa, con uno sviluppo reale soprattutto in alcune regioni italiane, come Toscana (la regione con l’offerta attualmente più variegata, anche per la straordinaria varietà dei suoi paesaggi collinari), il Piemonte (dove particolarmente richiesto è il territorio delle Langhe), le Marche, l’Emila Romagna, la Puglia e l’Umbria.

Stiamo parlando di regioni nelle quali l’offerta turistica è ben sviluppata e si sposa ottimamente con la prospettiva di potersi trasferire in pianta stabile.

La richiesta maggiore sembra venire soprattutto da parte di una clientela estera, affascinata da sempre dagli scorci che riesce ad offrire il nostro bel Paese.

I pro ed i contro del voler acquistare un rustico di campagna

Perchè nasce il desiderio di trasferirsi a vivere in campagna?

Va detto, innanzitutto, che si tratta di una scelta più comune in una fascia d’età superiore ai 40 anni, età nella quale si tende a ritrovarsi con un nucleo famigliare ben definito e non si sente la necessità di vivere la città a pieno come invece è normale che accada se si è più giovani e ancora senza figli a carico, dove gli eventi mondani del weekend vengono ancora considerati come un momento imprescindibile di socializzazione e comunità.

Se si sceglie di acquistare un rustico di campagna, chiaramente ci si aspetta di poter beneficiare di una vita quotidiana caratterizzata da aria salubre e pulita, da ritmi di vita molto meno stressanti e più lenti (se la vostra casa di campagna si trova a ridosso di un piccolo borgo capirete ancor di più cosa vuol dire appropriarsi di questo stile di vita, in paesi in cui il tempo sembra essersi fermato).

La campagna permette anche di poter avere un rapporto più diretto con i coltivatori della zona, (sempre se non si è noi stessi a voler creare un piccolo personale orto) con la possibilità di poter reperire i prodotti della terra a km 0 e con una maggiore garanzia di qualità.

Di contro ci sono alcuni aspetti che non vanno assolutamente sottovalutati e che bisogna considerare prima di compiere il grande passo e finalizzare l’acquisto.

  • La vita in campagna è senza dubbio sana e rigenerante, ma non è di certo adatta a tutti, soprattutto a chi ama godere delle comodità proprie di una città; consideriamo anche che si tratta spesso di ricominciare da zero anche dal punto di vista dei rapporti umani, quindi soprattutto nei primi tempi si avrà la sensazione di sentirsi più soli… per i tipi che amano la mondanità, non è sicuramente la scelta ideale!

  • La campagna comporta, inoltre, la presenza di molti piccoli animaletti ed insetti… se in città si hanno problemi per la loro eventuale presenza, stiamo pur certi che la cosa in campagna risulterà ancor più accentuata!

  • Un altro aspetto da non sottovalutare è anche la questione dei trasporti; molto spesso è necessario l’uso di una o più auto per spostarsi quotidianamente ed avvicinarsi alla città più vicina o a un qualunque centro commerciale (il vivere in campagna è bello, ma la spesa è una di quelle cose di cui si ha necessità almeno una volta alla settimana).

Se si decide di acqustare un rustico di campagna è fondamentale pensare bene a tutti i pro ed i contro, onde evitare di intraprendere un cambio radicale di vita, magari non ancora nelle nostre corde.

Se le finanze ed il budget lo permettono, è possibile valutare l’idea di non spostarsi definitivamente in campagna ed acquistare un rustico cui poter fare affidamento durante i periodi di ferie… in questo modo non si avrà la necessità di rinunciare alle comodità della vita in città, perche si tratterà di un periodo di tempo circoscritto, utile per rigenerarsi dalle fatiche del lavoro.

Lo sviluppo del mercato delle case di campagna in Toscana e nella Maremma grossetana

Come abbiamo avuto modo di vedere il mercato dei rustici di campagna è sviluppato soprattutto in determinate aree geografiche d’Italia.

Particolare menzione va sicuramente fatta per la Toscana, che si prende oltre un quarto della domanda totale di case e rustici di campagna soprattutto in zone conosciute anche a livello internazionale per la splendida varietà del loro territorio (come la provincia di Grosseto, quella di Siena e di Lucca, dove la conformazione del luogo è tale da garantire paesaggi e scorci dal grande impatto visivo).

La Maremma grossetana è forse l’esempio migliore per poter spiegare la grande espansione di questo mercato. Si tratta di un territorio particolarmente vasto, dove le grandi città sono pressochè inesistenti, con la sola eccezione del capoluogo Grosseto, che risulta comunque delle dimensioni di una media cittadina con i suoi 80.000 abitanti.

Al di fuori della città si possono realizzare dei lunghi tragitti accompagnati solo dalla presenza della natura e della campagna, dove si aprono ai vostri occhi dei paesaggi di rara bellezza nelle quali le ville e rustici vanno ad inserirsi alla perfezione. La Maremma è anche caratterizzata dalla folta presenza di piccoli borghi molto caratteristici (soprattutto di origine medievale), che ben vi faranno comprendere il riscoprire uno stile di vita meno frenetico e per certi versi sano).

I prezzi di queste strutture negli ultimi anni sembrano aver subito un certo calo, come dimostra uno studio commissionato dall’Agenzia Casa Immobiliare di Grosseto e volto a monitorare la reale situazione del territorio.

Ovviamente si può scegliere tra l’acquisto di un rustico di campagna totalmente ristrutturato e già pronto per essere occupato, come optare per la ristrutturazione parziale o totale di una vecchia casa di campagna, cosa che lascerà maggior libertà nella personalizzazione del posto e che permetterà di spuntare un prezzo di vendita sicuramente vantaggioso (ma occhio ai costi di ristrutturazione da stimare con precisione prima dell’inizio dei lavori!).

In ogni caso, per chi viene da una differente zona geografica e non conosce granchè il territorio, il nostro consiglio, più che affidarsi ad annunci online che poco possono aiutarvi, è quello di farsi aiutare da un’agenzia immobiliare del territorio, che sicuramente saprà capire meglio le esigenze del cliente, permettendo di guidare fino alla scelta ideale (sempre meglio puntare su quelle con più anni di lavoro alle spalle, e che hanno una reale conoscenza del luogo!).

Previous post

Energia elettrica e fonti rinnovabili: impariamo a conoscerle

come coltivare la violetta africana tecniche e consigli utili
Next post

Come coltivare la Violetta africana: tecniche e consigli utili

EcoProspettive

EcoProspettive