Ambiente

4 regole per migliorare l’efficienza energetica di una casa datata

La casa è un sistema molto complesso che comporta diverse spese, soprattutto per quanto riguarda il fattore energetico. In generale, il sovradimensionamento peggiora le prestazioni e aumenta i costi; a tal proposito, è necessario migliorare l’efficienza energetica della casa onde evitare costi inutili e salvaguardare l’ambiente.

La strategia più efficace per migliorare l’efficienza energetica di un appartamento è innanzitutto quella di controllare le pareti, i solai, le finestre e le porte di casa. Per ridurre i costi di gestione, come conferma il portale Risparmiate.it, occorre migliorare l’efficienza energetica dei vari sistemi, come riscaldamento, raffreddamento, illuminazione ed elettrodomestici. C’è poi da considerare il più conveniente utilizzo di energia pulita, come quella solare o geotermica.

Assicuratevi innanzitutto che muri e solaio siano ben isolati, in quanto un efficace isolamento rallenta la velocità con cui il calore esce dalla casa in inverno ed entra in estate; in questo caso, è quindi necessaria meno energia per riscaldare o raffreddare la casa. Se la vostra abitazione non ha l’isolamento delle pareti e ha più o meno intercapedini continue (come le tradizionali pareti di vecchia costruzione), l’isolamento soffiato può migliorare notevolmente il vostro comfort. Tenete però presente che raramente paga soffiare l’isolamento aggiuntivo nelle pareti già isolate. Anche se il sottotetto non è finito, spesso è utile migliorare l’isolamento.

La competenza di coloro che eseguono i lavori è importante quanto il materiale scelto. La vetroresina, la cellulosa e la maggior parte dei materiali isolanti in schiuma, se correttamente installati, possono ridurre la conduzione del sistema a parete, ma la vera chiave è la corretta installazione. Idealmente, i professionisti del settore utilizzano una telecamera a infrarossi durante o dopo l’installazione per cercare eventuali vuoti all’interno delle pareti.

1 . Aggiornate o sostituite le finestre

Se le finestre sono vecchie e fatiscenti, potrebbe essere giunto il momento di sostituirle con modelli più recenti o aumentare la loro efficienza con le finestre antirumore. Non è quasi mai conveniente sostituire le finestre solo per risparmiare energia; la sostituzione, infatti, può comportare risparmi sui costi, ma i risparmi maggiori sarebbero associati alla sostituzione delle finestre a vetro singolo. Tuttavia, se si sostituiscono le finestre per altri motivi, in alcune zone il costo aggiuntivo è molto modesto e questo aggiornamento sarebbe economicamente vantaggioso e aumenterebbe il comfort per chi vi abita.

2. Coltivate alberi intorno alla casa

Se la vostra casa è vecchia, con isolamento e finestre relativamente mediocri ma avete a disposizione un giardino, una barriera vegetale (in particolare una siepe alta o un’alberatura con specie a foglia caduca) può farvi risparmiare energia, soprattutto se piantata sul lato ovest della casa. In estate, il fogliame blocca le radiazioni infrarosse che riscalderebbero la casa, mentre in inverno i rami spogli lasciano passare queste radiazioni. Non è da sottovalutare anche l’effetto del verde sulla creazione di un microclima più mite nelle immediate vicinanze dell’abitazione.

3. Sostituite la caldaia vecchia con un sistema ad alta efficienza

Si stima che una caldaia costruita prima del 1992 sprechi circa il 35% del carburante che utilizza, oltre ad essere probabilmente verso la fine della sua durata di servizio. In questo caso, si raccomanda la sostituzione anticipata con una caldaia a condensazione con un rendimento annuale di almeno il 90%. Questo tipo di caldaia non consuma più del 10% del gas naturale che si acquista e può far risparmiare fino al 27% sulla bolletta del gas stesso.

Se la vostra caldaia è stata installata dopo il 1991, probabilmente ha un indice di efficienza annuale di utilizzo del combustibile (AFUE) del 80%, quindi il risparmio derivante dalla sostituzione è inferiore, ma sarebbe ugualmente significativo. Un tecnico revisore potrebbe essere in grado di aiutarvi a determinare l’AFUE del vostro attuale sistema.

4. Migliorate l’efficienza del vostro sistema di riscaldamento

A tale riguardo, bastano poche ma essenziali regole: in primo luogo, abbassate la temperatura del vostro scaldabagno; in secondo luogo, isolate i tubi dell’acqua calda in modo che non si raffreddino più rapidamente. Inoltre, utilizzate apparecchi a basso flusso per docce e bagni.

Previous post

Compost fai da te: come trasformare i rifiuti organici in fertilizzante naturale

Next post

PhotoContest "PAESAGGIO ITALIANO" 2018

EcoProspettive

EcoProspettive