12 Lug 2016

Micorrize, l’associazione simbiotica tra piante e funghi

La simbiosi (o mutualismo) si verifica in un habitat microbico specifico del suolo, e nel caso delle micorrize porta benefici ad entrambe le parti coinvolte

0
25 Giu 2016

Piante transgeniche, le colture OGM più diffuse

Le scoperte scientifiche dello scorso secolo nel campo della genetica e della biologia molecolare hanno permesso di sviluppare tecnologie in grado di modificare il patrimonio genetico di organismi come piante, animali, virus e batteri. Da questo sono nati i cosiddetti Organismi Geneticamente Modificati (OGM), da anni oggetto di accesi dibattiti…

0
12 Mag 2016

Effetti del glifosato, il diserbante più diffuso al mondo

I pesticidi sono sostanze utilizzate per combattere i parassiti dannosi agli organismi vegetali; al giorno d’oggi sono uno strumento indispensabile agli agricoltori per mantenere gli esigenti standard di qualità e produzione richiesti dal mercato, ma al contempo sono la causa di numerosi effetti collaterali che si ripercuotono sull’ambiente e sulla nostra stessa salute. Infatti…

0
11 Gen 2016

Le migliori piante contro l’inquinamento urbano

Tutti sanno che le piante svolgono l’importante ruolo di produrre ossigeno e purificare l’aria dalle polveri e dagli inquinanti, ma poche persone si chiedono come le piante siano in grado di fornirci questo servizio. Diversi studi scientifici negli ultimi decenni hanno tentato, in modi diversi, di…

0
16 Dic 2015

Talea: come riprodurre le piante a costo zero

La talea non è altro che una porzione di ramo, radice o foglia separata dalla pianta madre e indotta a radicare e germogliare, dando così origine ad un clone della pianta da cui è stata prelevata geneticamente identico. La possibilità di creare a costo zero e così facilmente…

0
01 Dic 2015

Seme dormiente: Come svegliarlo

Le tecniche che le piante hanno sviluppato in milioni di anni di evoluzione per riuscire a tutelare le loro future generazioni si possono riassumere nella dormienza che alcuni semi hanno e che non gli da modo di schiudersi e germinare. La dormienza viene mediata attraverso…

0
26 Nov 2015

Le piante possono parlare? Ecco come comunicano

Le piante nel corso della loro evoluzione, non potendo muoversi perché ancorate al terreno, hanno sviluppato un ottima capacità di adattamento. In un ecosistema, ogni elemento che lo costituisce è in stretta connessione con gli altri e con l’ambiente circostante, più è complesso…

0
19 Nov 2015

Tumore nelle piante da Agrobacterium

Il tumore in una pianta non è paragonabile a quello che si può sviluppare sui tessuti animali ma vi assomiglia molto nei metodi di sviluppo delle cellule e nei modi in cui uccide. Un organismo vegetale può sviluppare un tumore su diversi tessuti, più frequentemente…

0
29 Ott 2015

Fitormoni: etilene una molecola multiuso

Tutte le gimnosperme e le piante inferiori, come le felci, i muschi e alcuni cianobatteri sono in grado di produrre etilene e la sua concentrazione nel suolo è determinata dall’apporto di etilene prodotto da parte di funghi e batteri saprofiti (decompositori). Le più alte produzioni di etilene in una pianta avvengono nei tessuti…

0
19 Ott 2015

Fitormoni: che ruolo svolgono nelle piante

Nelle piante, come in noi esseri umani, la regolazione delle attività biologiche svolte dal nostro organismo è mediata dalla presenza di molecole attive anche a basse concentrazioni, i cosiddetti ormoni.In una pianta queste molecole sono chiamate fitormoni, e a differenza degli ormoni animali…

0
30 Set 2015

Compartimentazione: la difesa delle piante

Anche per gli alberi una ferita è una lesione traumatica dei tessuti, che causa la perdita dell’impermeabilità del sistema favorendo le infezioni di numerosi patogeni, i quali penetrano all’interno della pianta grazie alle aperture inflitte sulla corteccia.
Ma come reagisce un albero agli attacchi dei patogeni? …

0
25 Set 2015

Un modo diverso di vedere il prato, la Gramigna

La Gramigna (Cynodon dactylon), da sempre considerata l’infestante per eccellenza, nemica di agricoltori e giardinieri, è oggi soggetta a intensi programmi di selezione genetica che hanno portato alla formazione di numerose cultivar utilizzabili proprio nei tappeti erbosi.
L’uso di questa specie erbacea per il prato si è dimostrato molto interessante…

0
21 Set 2015

Xeriscaping, il giardino che resiste alla siccità

Xeriscaping significa letteralmente “paesaggio asciutto”, ma non necessariamente arido o spoglio: si tratta infatti di spazi verdi progettati per ridurre al minimo la richiesta di apporti idrici, sia attraverso l’insediamento di piante con esigenze adeguate al contesto climatico, sia con la lavorazione del terreno, al fine di…

0
13 Set 2015

Auxina, un fitormone a cui non piace il sole

L’auxina è un fitormone che esercita una vasta gamma di effetti sullo sviluppo della pianta e sul loro accrescimento. Scopri come utilizzarle

0
19 Ago 2015

La potatura degli alberi ornamentali

La potatura nell’arboricoltura ornamentale viene eseguita per assicurare agli alberi una struttura armonica ed esteticamente piacevole, per rendere le piante sicure e per mantenerle in buone condizioni fitosanitarie. Rispetto agli scopi della potatura per le piante da frutto o per l’arboricoltura da legno, nel caso dell’albero ornamentale…

2
11 Ago 2015

I parametri per monitorare la salute degli alberi

Il controllo visivo è la prima pratica diagnostica da effettuare per comprendere le effettive condizioni di salute di una pianta. Sono numerosi i segnali che possono fornire indicazioni sullo stato dell’albero, contribuendo nel loro insieme alla costruzione di un “quadro clinico”…

0
06 Ago 2015

Irrigazione: come (e quanto) annaffiare le piante

Come tutti gli organismi viventi, anche le piante necessitano di acqua per lo svolgimento delle proprie funzioni vitali.

Ma in che modo “beve” una pianta?

La fonte principale da cui i vegetali traggono acqua è l’umidità presente nel suolo, che viene assorbita…

1
19 Lug 2015

Alberi ornamentali e i rami epicormici

Alcune piante legnose possono assumere particolari morfologie, come la presenza di biforcazioni accentuate dovute alla presenza di fusti o rami codominanti. Queste conformazioni, dette appunto forcelle, sono da tenere in considerazione soprattutto nel caso di alberi di grandi dimensioni o dalla crescita vigorosa, in quanto possono essere la fonte di problemi di stabilità che possono tramutarsi in…

1