AmbienteLandscape DesignPaesaggio

Legno, il materiale che migliora la vivibilità degli ambienti

Il legno viene regolarmente impiegato per arredamento o con funzioni strutturali e da sempre è utilizzato in architettura per le sue caratteristiche fisiche ed estetiche. Tutti conosciamo la sensazione di calorosa accoglienza che si percepisce in una taverna, in una birreria o in una sauna rivestita in legno, ma pochi di noi ne conoscono la ragione. Oltre a colori e trame originali, il legno è in grado di regolare l’umidità dell’aria circostante grazie all’intimo rapporto che questo materiale ha con l’acqua (igroscopicità del legno).

Perché il legno è in grado di regolare l’umidità dell’aria?

Quando si parla di igroscopicità si intende la capacità di una sostanza di cedere o assorbire l’acqua presente nell’atmosfera. Quando una sostanza igroscopica perde/acquisisce umidità possono verificarsi possibili cambiamenti di aspetto, dimensione, colore e delle caratteristiche tecniche del materiale. Questa capacità del legno dipende dallo stato d’imbibizione delle sue pareti cellulari. Il legno è in grado di “catturare” le molecole d’acqua dall’aria circostante e di legarle alle pareti cellulari mediante legame idrogeno. I legami idrogeno con le molecole d’acqua sono possibili grazie ai gruppi ossidrilici OH disponibili sulle microfibrille di cellulosa.

Questa capacità definisce un campo igroscopico del legno in cui vi è un equilibrio dinamico, che viene perso e progressivamente ristabilito ogni qualvolta le condizioni di umidità dell’aria (igrometriche) cambiano. Il valore di umidità che il legno raggiunge in una situazione di equilibrio con l’umidità dell’aria circostante si definisce umidità di equilibrio. Bisogna ricordare che differenti tipi di legno tendono ad equilibrarsi ad umidità leggermente diverse in funzione della densità del legno, del contenuto di estrattivi e della qualità del processo di essiccazione a cui è stato sottoposto.

Vuoi migliorare l’ambiente? Utilizza il legno per costruire ed arredare!

Sebbene esistano diversi materiali artificiali, più economici del legno massiccio e capaci di imitarne colori e venature, è importante sapere che questi non sono in grado di garantirci tutti i benefici che il legno offre. Solo per citarne alcuni:

  • è una risorsa naturale, rinnovabile e biodegradabile
  • durante la formazione del legno viene prodotto ossigeno e parte della CO2 dell’atmosfera viene sequestrata
  • è prodotto da un essere vivente, quindi ogni pezzo è unico

Inoltre, il legno negli ambienti indoor è in grado di migliorarne la vivibilità e l’estetica in modo più efficace e naturale rispetto a qualsiasi altro materiale. L’unico reale difetto del legno è l’essere un materiale che necessità di alcune cure periodiche per poter durare nel tempo, ma anche da questo punto di vista, per gli amanti del fai da te, è in grado di dare molte soddisfazioni.

 

Commenti

commenti

giardini patrimonio dell'Umanità
Previous post

Paesaggi da scoprire: 9 giardini Patrimonio dell'Umanità

Next post

Arriva Bioo Pass, la pianta in vaso che connette alla rete Wi-Fi

Alvise Anchel

Alvise Anchel