Agri-culturaAmbientePopolari in agri-cultura

Incentivi in agricoltura 2014 – 2020: informazioni e link utili

In linea con la strategia comunitaria Europa 2020 e con gli obiettivi generali della precedente politica di sviluppo rurale (PAC) è possibile individuare tre obiettivi strategici di lungo termine per la politica dell’Unione Europea relativa allo sviluppo rurale e agli incentivi in agricoltura nel periodo 2014-2020:

  • Stimolare la competitività del settore agricolo.
  • Garantire la gestione sostenibile delle risorse naturali e l’azione per il clima.
  • Realizzare uno sviluppo territoriale equilibrato delle economie e comunità rurali, compresi la creazione e la difesa dei posti di lavoro.

La riforma del 2013 introduce alcuni nuovi obiettivi, esalta l’intenzione di migliorare e rafforzare l’approccio strategico nell’elaborazione dei programmi e i contenuti delle misure di sviluppo rurale. Inoltre, grazie all’osservazione del precedente piano (2007-2013) quello odierno punta a semplificare le norme e/o ridurre i relativi oneri amministrativi, tentando di creare maggiori sinergie tra la politica di sviluppo rurale e gli altri fondi strutturali e di investimento. I finanziamenti con cui viene sostenuta questa politica di Incentivi in agricoltura provengono in parte dal Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FESAR) e in parte da risorse nazionali/regionali e a volte da investitori privati, per questo motivo l’attuazione e l’impatto della politica vengono sottoposti a valutazioni e controlli dettagliati.Incentivi in agricoltura

Cosa devono fare gli stati dell’Unione Europea

Gli Stati membri dovranno elaborare i rispettivi programmi di sviluppo rurale basandosi su almeno quattro delle sei priorità comuni dell’UE:

  1. Promuovere il trasferimento di conoscenze e l’innovazione nel settore agricolo e forestale e nelle zone rurali.
  2. Potenziare la redditività e la competitività di tutti i tipi di agricoltura e promuovere tecnologie innovative per le aziende agricole e una gestione sostenibile delle foreste.
  3. Promuovere l’organizzazione della filiera alimentare, il benessere degli animali e la gestione dei rischi nel settore agricolo.
  4. Preservare, ripristinare e valorizzare gli ecosistemi connessi all’agricoltura e alle foreste.
  5. Incoraggiare l’uso efficiente delle risorse e il passaggio a un’economia a basse emissioni di CO2 e resiliente al clima nel settore agroalimentare e forestale.
  6. Promuovere l’integrazione sociale, la riduzione della povertà e lo sviluppo economico nelle zone rurali.

Per ciascuna di queste priorità si individuano una serie di settori di intervento più dettagliati detti “settori prioritari“. Nell’ambito dei rispettivi programmi di sviluppo rurale, gli Stati membri e le loro regioni fissano degli obiettivi quantificati in relazione a questi settori prioritari sulla base di un’analisi delle esigenze del proprio territorio. Successivamente stabiliscono le misure che intendono adottare per raggiungere tali obiettivi e i relativi finanziamenti ad esse desinate.

Come l’Italia ha recepito la politica comunitaria

La politica comunitaria per lo sviluppo rurale 2014-2020 e gli incentivi in agricoltura sarà attuata mediante programmi di sviluppo rurale (PSR) nazionali e regionali. In Italia sono individuati come punti focali su cui si basano gli interventi ed i bandi proposti dalle Regioni italiane sono l’innovazione, lo sviluppo della competitività delle imprese e del sistema agricolo, la sostenibilità ambientale e il miglioramento della qualità della vita nelle aree rurali.

Incentivi in agricoltura

Tutti i link utili per rimanere sempre aggiornati sugli incentivi in agricoltura

Vi proponiamo qui di seguito un elenco dei link utili per rimanere aggiornati sui contributi e sugli interventi a sostegno dell’agricoltura previsti dai vari Piani di Sviluppo Rurale delle singole regioni del nostro paese, alcuni in preparazione, altri già in fase di attuazione.

Abruzzo – Basilicata – Calabria – Campania – Emilia Romagna – Friuli Venezia Giulia – Lazio – Liguria – Lombardia  – Marche – Piemonte – Sardegna – Sicilia – Toscana – Umbria – Valle d’Aosta – Veneto – Provincia Autonoma di Trento – Provincia Autonoma di Bolzano

Incentivi in agricoltura

Esempio: PSR della regione Veneto

Incentivi in agricoltura

Incentivi in agricoltura

Incentivi in agricoltura

Incentivi in agricoltura

Scopri i mezzi e i prodotti per l’agricoltura

Commenti

commenti

Previous post

Come riconoscere le piante? 5 App sui nostri smartphone per identificare fiori e foglie

Next post

Il verde verticale di Dellavalle Giardini

EcoProspettive

EcoProspettive