AmbientePopolari in AmbienteTop ImagesVerde Tecnologico

Arriva Bioo Pass, la pianta in vaso che connette alla rete Wi-Fi

Una vignetta ironica che circola nel web recita più o meno così:

“Immagina se gli alberi fornissero Wi-Fi gratuito: li pianteremmo ovunque e probabilmente riusciremmo anche a salvare il Pianeta. Peccato che producano solo l’ossigeno che respiriamo.”

Attualmente l’uomo non è ancora riuscito a far diventare gli alberi una fonte di connessione ad Internet ma i primi passi in questa direzione li ha mossi Bioo, una giovane realtà sviluppata dall’azienda spagnola Arkyne Technologies e specializzata in energie rinnovabili, telecomunicazioni e software development.

L’ambiziosa aspirazione di Bioo parla chiaro: portare da Barcellona in tutto il mondo energia pulita e prodotti sostenibili che uniscano la natura alla tecnologia, come il loro innovativo sistema in grado di generare elettricità a partire dalla fotosintesi. Con questa idea Bioo ha sviluppato Bioo Pass, un gadget eco-friendly costituito da una “semplice” pianta in vaso attraverso la quale è possibile connettere i propri dispositivi ad una rete Wi-Fi.

Come si ottiene elettricità dalla fotosintesi?

La tecnologia utilizzata da Bioo si basa su un meccanismo complesso ed interessante conosciuto come PMFC (acronimo di Plant Microbial Fuell Cell) che consente di ottenere energia elettrica da un sistema bio-elettrochimico, in grado di sfruttare la decomposizione microbica dei composti organici che le piante rilasciano naturalmente nell’ambiente circostante attraverso la loro attività fotosintetica.

Gli elettroni sono ottenuti direttamente con il fenomeno della rizodeposizione, da parte delle radici della pianta, e trasformati in corrente elettrica mediante appositi elettrodi inseriti nel sistema.

Come sotto-prodotto di tale processo si ottiene acqua, risultante dalla combinazione dell’idrogeno emesso dalla rizodeposizione con l’ossigeno atmosferico. Si tratta quindi di una fonte di energia assolutamente pulita: come recita lo slogan di Bioo l’elettricità non è mai stata così verde.

Come funziona Bioo Pass?

Il chip che permette a Bioo Pass di funzionare come un hotspot Wi-Fi è collocato nel vaso. Basterà aggiungere del terriccio, una pianta a vostra scelta, annaffiare con un po’ d’acqua e il gioco è fatto: una volta configurato tramite l’interfaccia del telefono, Bioo Pass consentirà di connettersi istantaneamente alla rete semplicemente avvicinando il cellulare, grazie alla tecnologia NFC presente nella maggior parte dei moderni smartphones e tablets. Il led presente sul lato del vaso si illuminerà rilevando automaticamente un dispositivo compatibile nelle vicinanze.

L’unico accorgimento richiesto per il funzionamento di Bioo Pass è quello di prendersi cura della pianta in vaso, semplicemente ricordandosi di annaffiarla quando serve.

Questo innovativo sistema di connessione Wi-Fi ha già riscosso un notevole successo e i giovani inventori di Bioo Pass stanno continuando a ricevere importanti (e meritati) riconoscimenti a livello internazionale.

Bioo Pass sarà disponibile per l’acquisto a partire da Luglio, ma può essere già ordinato direttamente dallo store ufficiale al prezzo di 47 Euro. E non è tutto: il team Bioo ha annunciato che sta già lavorando ad altri progetti eco-friendly.

Il prossimo prodotto che verrà lanciato dalla startup sembra essere Bioo Lite, un vaso con la stessa tecnologia di Bioo Pass ma dotato di una porta USB che permetterà di ricaricare i dispositivi elettronici sempre utilizzando l’elettricità prodotta con la fotosintesi delle piante.

Geniale, vero? Da parte nostra, non possiamo che augurare buon lavoro al team Bioo e aspettare le loro loro prossime invenzioni!

Commenti

commenti

Previous post

Legno, il materiale che migliora la vivibilità degli ambienti

Next post

Giardino costiero sostenibile: Le piante per il clima mediterraneo

Anna Mastellaro

Anna Mastellaro